Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Massa Marittima: 40 insegnanti dell’ITT Marco Polo di Firenze in visita ai musei massetani

Appena riaperti, i musei di Massa Marittima riceveranno la visita di 40 insegnanti dell’ITT Marco Polo di Firenze che nonostante la pandemia, nel fine settimana dal 4 al 6 giugno, si ritroveranno in Maremma per stare insieme, esplorare alcuni luoghi di interesse culturale e naturalmente discutere di scuola.

Lo faranno con il contributo del professor Edoardo Lombardi Vallauri, linguista e docente dell’Università di Roma 3, con il quale approfondiranno tematiche legate alla comunicazione, in particolare nel rapporto tra adulti e ragazzi e rispetto ai comportamenti eticamente corretti in un contesto scolastico.

Approfitteranno dell’occasione per visitare i musei della città di Massa Marittima e il sito naturalistico e archeologico dell’Accesa.

I weekend di formazione sono ormai una tradizione al Marco Polo di Firenze e sono, infatti, giunti  al quinto appuntamento, dopo gli incontri al Castello di Gargonza, a Scampia, in Calabria e in Umbria.

“Si tratta di esperienze diffuse in ambiti aziendali – afferma il preside del Marco Polo di Firenze, Ludovico Arte – ma rare in quelli scolastici, opportunità preziose di confronto e socializzazione, che consentono di conoscere realtà diverse, migliorare le relazioni personali, rafforzare il senso di appartenenza alla comunità e costruire una visione condivisa dell’educazione e della scuola”.

Questa volta hanno scelto Massa Marittima. Nella visita della città del Balestro  saranno accompagnati dalla direttrice dei Musei, Roberta Pieraccioli e incontreranno l’assessore alla Cultura del Comune di Massa Marittima, Irene Marconi.

“Ci fa immenso piacere che sia stata scelta Massa Marittima come meta di questo importante progetto. – afferma Irene Marconi, assessore comunale alla Cultura – Parlare di scuola al termine di un anno scolastico così complesso, che ha stravolto completamente la vita dei nostri studenti è importante al pari della riscoperta dei nostri beni storici e culturali. Si può fare scuola con metodi nuovi, alternativi, l’importante è che siano coinvolgenti. Ci auguriamo che altre istituzioni scolastiche seguano l’esempio virtuoso dell’ITT Marco Polo di Firenze. Riteniamo che il segmento del turismo scolastico sia un settore da valorizzare ed implementare per Massa Marittima”.