Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

E’ stata accolta dalla Regione Toscana, la richiesta di finanziamento inoltrata dal Comune di Massa Marittima in merito al progetto “ANCORA ACCESA, un percorso partecipato per la TUTELA e la PROMOZIONE del comprensorio del Lago dell’Accesa”

Una progettualità che in parte si lega al percorso di riqualificazione ecosostenibile del lago dell’Accesa, inserito nel programma di mandato e  già  intrapreso dall’Amministrazione Comunale a partire dall’estate 2020, ma che nasce anche su imput di cittadini e operatori economici del territorio comunale: un progetto “partecipato” e condiviso tra Comune e privati in occasione di incontri e tavoli di lavoro incentrati  sul tema del futuro di una preziosa area di grande pregio naturalistico e archeologico, come quella del Lago dell’Accesa.

Una risorsa naturale e paesaggistica, che conta una grande biodiversità e che per questo necessita di una continua e attenta valutazione negli interventi, affinché possa mantenersi il delicato equilibrio – in termini di frequentazione – fra fruizione e sostenibilità. “Abbiamo in realtà proseguito una strada già intrapresa negli anni passati – spiega il vicesindaco e assessore all’Ambiente Maurizio Giovannetti – in particolare con l’attuazione nell’estate scorsa di interventi di valorizzazione del complesso del lago, tesi ad una fruizione ricreativa, sostenibile, sicura e di qualità, nel pieno rispetto della tutela ambientale del luogo. Vista la risposta entusiastica e propositiva di cittadini e di operatori economici con i quali abbiamo costituito diversi tavoli di lavoro, abbiamo deciso di assumere il ruolo di capofila per la presentazione di un progetto partecipativo che la Regione ha deciso di finanziare con la somma di 13.600,00  Euro che va a sommarsi alla quota di compartecipazione di 3.000,00 euro versata dall’Amministrazione comunale”.  A partire dal mese di maggio si terranno incontri e seminari formativi con docenti qualificati del settore e tavoli di confronto da cui emergano idee per la stesura di una Carta del Lago, una sorta di vademecum che contenga i principi e le regole utili per  godere di un’esperienza a contatto con la natura, nel rispetto delle peculiarità di quest’area e secondo il principio della condivisione, allo scopo di preservare una risorsa tanto preziosa sia dal punto di vista paesaggistico e turistico, che sotto il profilo ambientale visto il ricco e delicato ecosistema. Altro scopo del progetto è la formazione di una rete solida fra privati e pubblica amministrazione che costituisca una sorta di punto di riferimento per le opportunità da cogliere e le regole da rispettare in questo ambiente. Infine è prevista un’efficiente promozione e comunicazione di tutte le attività pubbliche che saranno via via svolte al Lago. “Con queste premesse – conclude Giovannetti –  potremo qualificare e valorizzare la fruibilità del Lago dell’Accesa, in particolare durante il periodo estivo, quando è ancora più necessario vigilare sull’equilibrio dell’ecosistema”.