Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Centri Estivi di Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri e Roccastrada. Un bilancio positivo

Si sono concluse con Roccastrada le attività dei centri estivi che hanno interessato il territorio compreso nell’Unione di Comuni Colline Metallifere. I servizi sono stati gestiti dalle cooperative “Arcobaleno” e “Uscita di Sicurezza” mentre il Coeso-SDS Grosseto si è occupato di predisporre il bando di gara fino all’assegnazione del servizio oltre a svolgere attività di supporto e assistenza degli utenti per la compilazione delle domande on-line.

I partecipanti. Per il comune di Massa Marittima hanno frequentato i centri estivi per il primo turno da 13 a 17 minori di cui 1 diversamente abile, per il secondo turno da 13 a 26 minori di cui 2 diversamente abili e per il terzo turno da 13 a 26 minori di cui 1 diversamente abile. Complessivamente hanno frequentato 70 minori di cui 30 per la fascia d’età 3-5 anni e 40 in quella 6-14.
Per Monterotondo Marittimo per il primo turno da 13 a 11 minori – II° Turno sa 13 a 15 minori – III° Turno da 13 a 15 minori per un numero complessivo di 41 minori di cui 11 appartenenti alla fascia d’età 3-5 anni e 30 alla fascia d’età 6-14.
Per Montieri il primo turno ha visto l’adesione da 13 a 14 minori, il secondo da 12 a 13 minori e il terzo da 13 a 15 minori. Complessivamente hanno frequentato 41 minori appartenenti alla fascia d’età 6-14.
Infine per Roccastrada il primo turno ha visto la partecipazione da 60 a 44 di cui 1 diversamente abile e per il secondo da 60 a 40 di cui 1 diversamente abile. Complessivamente hanno frequentato 84 minori di cui 32 appartenenti alla fascia d’età 3-5 anni e 52 alla fascia d’età 6-14.

Il bilancio. Servizi apprezzati con un alto gradimento rispetto a quanto emerso dai giudizi espressi dai genitori dei bambini e ragazzi partecipanti nei questionari che sono stati loro consegnati.
Soddisfazione è stata espressa anche da Marcello Giuntini, Presidente dell’Unione di Comuni Montana Colline Metallifere: “Quello che emerge dalle valutazioni positive da parte dei genitori di bambini e bambine riguardo ai servizi erogati dai centri estivi conferma la qualità dei servizi erogati nel periodo estivo, un’importante offerta per la continuità educativa, e in un contesto delicato come quello pandemico”.