Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Case popolari, in corso la verifica dei requisiti

Con la nuova legge regionale cambiano i criteri di assegnazione delle abitazioni. Nel 2020 si aprirà un nuovo bando

Il Comune di Massa Marittima, in collaborazione con l’Edilizia Popolare Grossetana (EPG), sta effettuando una ricognizione sul mantenimento dei requisiti necessari per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. La verifica serve a controllare che i requisiti non siano stati persi ed intervenire in tal caso fino ad ordinare il rilascio dell’alloggio.  Attualmente nel  territorio comunale ci sono 66 alloggi di edilizia popolare di cui 32 nel capoluogo, 17 nella frazione di Prata, 11 a Valpiana e 6 a Tatti. Inoltre sono presenti 6 alloggi sfitti compresi due appartamenti di assegnatari che hanno perso i requisiti e per i quali erano stati avviati procedimenti di decadenza con ordinanza di rilascio. Queste abitazioni entreranno nella fase di ripristino da parte dell’ente gestore Edilizia Popolare Grossetana per essere assegnati sulla base della graduatoria definitiva relativa all’ultimo bando generale del 2016. Si ricorda poi che nel corso  del 2020 si aprirà il bando per una nuova graduatoria. “I controlli, previsti dalla legge e messi in atto dal Comune – spiega l’assessore ai servizi sociali Grazia Gucci – , oltre ad essere un obbligo per l’amministrazione, sono un atto di giustizia sociale nei confronti di tutti i cittadini in attesa di alloggio e presenti in graduatoria. L’alloggio popolare è quindi un diritto, del quale ne devono beneficiare i cittadini con particolari requisiti e la perdita di alcuni di essi, che altro non è che il miglioramento delle proprie condizioni, significa dover lasciare posto a qualcun altro – conclude – che in quel momento ne ha più bisogno”.  L’ufficio a cui rivolgersi per qualsiasi informazione è l’ufficio politiche abitative,  aperto al pubblico il lunedì, mercoledì, venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 nel Palazzo Comunale in Piazza Garibaldi, tel. 0566906232