Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Unioni civili

Legge 20 maggio 2016 n. 76

Con la legge n.76/2016 è stato introdotto nell’ordinamento dello stato civile italiano l’istituto dell’Unione Civile tra persone dello stesso sesso. In attesa dell’entrata in vigore dei decreti delegati previsti dall’art. 1, c. 28, della stessa legge, che disciplineranno in forma definitiva l’istituto, nella Gazzetta Ufficiale n. 175 del 28 luglio 2016 n.ro 144 è stato pubblicato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che contiene la disciplina transitoria necessaria a garantire l’esercizio del diritto di costituire un’Unione Civile. in attesa dell’entrata in vigore dei decreti legislativi al fine di adeguare alla nuova legge le disposizioni dell’ordinamento dello stato civile .

Finalita’ dell’Unione civile:

l’unione civile tra  persone  dello stesso sesso  quale  specifica  formazione  sociale  ai  sensi  degli articoli 2  e  3  della  Costituzione .

Chi puo’ costituirla:

Due  persone  maggiorenni  dello  stesso  sesso italiane o straniere  costituiscono un’unione civile mediante dichiarazione di  fronte  all’ufficiale  di stato civile ed alla presenza di due testimoni. Gli stranieri dovranno allegare alla richiesta una dichiarazione dell’autorita’ competente del proprio Paese dalla quale risulti che, giusta le leggi cui e’ dottoposto, Nulla Osta alla costituzione dell’Unione Civile.

Requisiti:

All’unione civile tra persone dello stesso sesso si  applicano  le disposizioni di  cui  agli  articoli articoli 65 (nuovo matrimonio del coniuge) e 68 (nullita’ del nuovo matrimonio) , nonche’ le disposizioni di  cui  agli  articoli 119 (interdizione), 120 (incapacita’ di intendere e volere), 123 (simulazione), 125 (azione del PM), 126 (separazione dei coniugi durante il giudizio) , 127 ( intrasmissibilita’ dell’azione per impugnare il matrimonio), 128 (matrimonio putativo), 129 (diritti dei coniugi in buona fede) e 129-bis ( responsabilita’ del coniuge in mala fede e del terzo )  del codice civile.

Cause impeditive :

a) la sussistenza, per una delle parti, di un vincolo  matrimoniale o di un’unione civile tra persone dello stesso sesso;

b) l’interdizione di una delle parti per infermita’  di  mente;  se l’istanza d’interdizione e’ soltanto promossa, il pubblico  ministero puo’ chiedere che si sospenda la costituzione dell’unione civile;  in tal caso il procedimento non puo’ aver luogo finche’  la  sentenza      che ha pronunziato sull’istanza non sia passata in giudicato;

c) la sussistenza tra le parti dei rapporti di cui all’articolo 87, primo comma, del codice civile ( Parentela, affinita’ , adozione ); non possono altresi’ contrarre unione civile tra persone dello stesso sesso lo zio e il nipote e la  zia  e la nipote; si applicano le disposizioni di cui al  medesimo  articolo 87;

d) la condanna definitiva di un contraente per omicidio consumato o tentato nei confronti di chi sia coniugato  o  unito  civilmente  con l’altra parte; se e’ stato disposto soltanto rinvio a giudizio ovvero sentenza di condanna di primo  o   secondo    grado    ovvero    una       misura cautelare la costituzione dell’unione civile tra persone dello stesso sesso e’ sospesa  sino  a  quando  non  e’  pronunziata  sentenza  di proscioglimento.

La sussistenza di una delle cause impeditive di cui al  comma  4 comporta la nullita’ dell’unione  civile  tra  persone  dello  stesso sesso.

Impugnazione:

L’unione civile costituita in  violazione  di  una       delle  cause impeditive di cui al comma 4, ovvero in violazione  dell’articolo  68 del codice civile, puo’ essere  impugnata  da  ciascuna  delle  parti dell’unione civile, dagli ascendenti prossimi, dal pubblico ministero e da tutti coloro che abbiano per impugnarla un interesse legittimo e attuale. L’unione civile costituita da una  parte  durante  l’assenza dell’altra non puo’ essere impugnata finche’ dura l’assenza.

L’unione  civile  puo’  essere  impugnata     dalla    parte  il  cui consenso e’ stato estorto con violenza o  determinato  da  timore  di eccezionale gravita’ determinato da cause esterne alla parte  stessa.

Puo’ essere altresi’ impugnata dalla parte il cui consenso  e’  stato dato per effetto di errore sull’identita’ della persona o  di  errore essenziale su qualita’ personali dell’altra parte. L’azione non  puo’ essere proposta se vi e’ stata coabitazione per un anno dopo  che  e’

cessata la violenza o le cause che hanno determinato il timore ovvero sia stato scoperto l’errore. L’errore  sulle  qualita’  personali  e’ essenziale qualora, tenute presenti le condizioni  dell’altra  parte, si accerti che la stessa non avrebbe prestato il suo consenso  se  le avesse esattamente conosciute e purche’ l’errore riguardi:

a) l’esistenza di una malattia fisica o psichica, tale da  impedire lo svolgimento della vita comune;

b) le circostanze di cui all’articolo 122, terzo comma, numeri  2),3) e 4), del codice civile.

La parte puo’ in  qualunque  tempo    impugnare    il   matrimonio  o l’unione civile dell’altra parte. Se    si    oppone    la    nullita’     della     prima     unione       civile,    tale    questione    deve    essere  preventivamente giudicata.

Documento che attesta il vincolo:

L’unione civile tra persone dello   stesso   sesso    e’  certificata dall’ufficiale di stato civile con  relativo documento attestante la  costituzione  dell’unione,  che deve contenere i dati anagrafici delle parti, l’indicazione del  loro

regime patrimoniale e della loro residenza, oltre ai dati  anagrafici e alla residenza dei testimoni.

Cognome:

Mediante   dichiarazione   all’ufficiale di   stato civile  le  parti possono stabilire di assumere, per la durata dell’unione  civile  tra persone dello stesso sesso, un cognome comune scegliendolo tra i loro cognomi. La parte puo’ anteporre o  posporre  al  cognome  comune  il proprio cognome, se diverso, facendone dichiarazione all’ufficiale di stato civile.

Diritti e doveri:

Con la costituzione dell’unione   civile   tra   persone dello stesso sesso le parti acquistano gli stessi diritti e  assumono  i  medesimi doveri; dall’unione civile deriva l’obbligo reciproco  all’assistenza morale e materiale  e  alla  coabitazione.  Entrambe  le  parti  sono tenute, ciascuna in relazione alle proprie sostanze  e  alla  propria capacita’ di lavoro  professionale  e  casalingo,  a  contribuire  ai bisogni comuni. ( si riproduce il contenuto dell’art. 143 del codice civile  sul matrimonio).

Le parti concordano tra loro l’indirizzo della vita familiare e fissano la residenza comune; a ciascuna delle parti spetta il  potere di attuare l’indirizzo concordato.

Regime patrimoniale:

Il regime patrimoniale dell’unione    civile    tra    persone  dello stesso sesso, in mancanza di  diversa  convenzione  patrimoniale,  e’ costituito dalla comunione dei beni . In materia di  forma,  modifica, simulazione e capacita’ per la stipula delle convenzioni patrimoniali si applicano gli articoli 162, 163, 164 e 166 del codice  civile.  Le parti non possono derogare ne’ ai  diritti  ne’  ai  doveri  previsti dalla  legge  per  effetto  dell’unione  civile.  Si   applicano   le disposizioni di cui alle sezioni II (fondo patrimoniale), III (comunione legale), IV (comunione convenzionale), V (separazione dei beni) e VI (impresa familiare) del capo VI  del titolo VI del libro primo del codice civile.

Estensione di istituti civilistici:

Quando la condotta della parte   dell’unione   civile   e’  causa  di grave pregiudizio all’integrita’ fisica o morale ovvero alla liberta’ dell’altra parte, il giudice, su istanza di parte, puo’ adottare  con

decreto uno o piu’ dei provvedimenti di cui all’articolo 342-ter  del codice civile ( ordini di protezione contro gli abusi familiari).

Nella  scelta  dell’amministratore    di    sostegno    il    giudice tutelare preferisce, ove possibile, la parte dell’unione  civile  tra persone dello stesso sesso. L’interdizione o l’inabilitazione      possono

essere promosse anche dalla parte dell’unione civile, la  quale  puo’ presentare istanza di revoca quando ne cessa la causa. ( art. 406 e 408 del codice civile)

La violenza e’ causa di   annullamento   del   contratto anche quando il male minacciato riguarda la persona  o  i  beni  dell’altra  parte dell’unione civile costituita dal contraente o da  un  discendente  o ascendente di lui.

In caso di  morte  del    prestatore   di    lavoro,   le  indennita’ indicate  dagli  articoli  2118  e  2120  del  codice  civile  devono corrispondersi anche alla parte dell’unione civile.

 

 

Sospensione della prescrizione:

La prescrizione rimane sospesa tra le parti dell’unione civile.

Obbligo degli alimenti:

All’unione civile   tra   persone   dello stesso sesso  si  applicano le disposizioni di cui al titolo XIII  del  libro  primo  del  codice civile, nonche’ gli articoli 116, primo comma (matrimonio dello straniero nello Stato) , 146 ( allontanamento dalla residenza familiare) , 2647( costituzione del fondo patrimoniale e separazione dei beni), 2653,    primo comma, numero 4) (trascrizione delle domande di separazione degli immobili dotali e di scioglimento della comunione tra coniugi avente per oggetto beni immobili), e  2659 del codice civile.

Al solo fine di  assicurare  l’effettivita’  della  tutela  dei diritti e il pieno adempimento degli obblighi  derivanti  dall’unione civile tra  persone  dello  stesso  sesso,  le  disposizioni  che  si

riferiscono al matrimonio e  le  disposizioni  contenenti  le  parole «coniuge», «coniugi» o termini equivalenti, ovunque  ricorrono  nelle leggi, negli atti aventi forza  di  legge,  nei  regolamenti  nonche’ negli atti amministrativi e nei contratti  collettivi,  si  applicano anche ad ognuna delle parti  dell’unione  civile  tra  persone  dello stesso sesso. La disposizione di cui al  periodo  precedente  non  si applica alle norme del codice  civile  non  richiamate  espressamente nella presente legge, nonche’ alle disposizioni di cui alla  legge  4 maggio 1983, n. 184. Resta fermo  quanto  previsto  e  consentito  in materia di adozione dalle norme vigenti.

Diritti successori:

Alle parti   dell’unione   civile   tra persone dello stesso sesso si applicano le disposizioni previste dal capo III  e  dal  capo  X  del titolo I, dal titolo II e dal capo II e dal capo V-bis del titolo  IV del libro secondo del codice civile.

Ipotesi di scioglimento:

La morte o la dichiarazione di  morte  presunta  di  una  delle parti dell’unione civile ne determina lo scioglimento.

L’unione   civile   si  scioglie   altresi’  nei    casi     previsti dall’articolo 3, numero 1) e numero 2), lettere a),  c),  d)  ed  e), della legge 1° dicembre 1970, n. 898. (divorzio)

L’unione civile   si   scioglie,   inoltre,  quando  le  parti  hanno manifestato anche disgiuntamente la volonta’ di scioglimento  dinanzi all’ufficiale  dello  stato  civile.  In  tale  caso  la  domanda  di

scioglimento dell’unione civile e’ proposta decorsi  tre  mesi  dalla data della manifestazione di volonta’ di scioglimento dell’unione.

La  sentenza    di    rettificazione    di   attribuzione  di   sesso determina lo scioglimento dell’unione civile tra persone dello stesso sesso.

Negoziazione assistita e divorzio davanti al Sindaco:

Si   applicano, in   quanto   compatibili, gli articoli 4,  5,  primo comma, e dal quinto all’undicesimo comma, 8, 9,  9-bis,  10,  12-bis, 12-ter, 12-quater, 12-quinquies e 12-sexies della legge  1°  dicembre 1970, n. 898, nonche’ le disposizioni di cui al Titolo II  del  libro quarto del codice di procedura civile ed agli articoli  6  e  12  del decreto-legge  12   settembre   2014,   n.   132,   convertito,   con modificazioni, dalla legge 10 novembre 2014, n. 162.

Trasformazione del matrimonio in unione civile:

Alla   rettificazione   anagrafica di   sesso, ove i coniugi  abbiano manifestato la volonta’ di non sciogliere  il  matrimonio  o  di  non cessarne gli  effetti  civili,  consegue  l’automatica  instaurazione dell’unione civile tra persone dello stesso sesso ( il comma recepisce quanto sancito dalla Corte Costituzionale – sentenza 11 giugno 2014 n. 170 ).

Trascrizioni:

Sono trascritte negli archivi dello stato civile le unioni civili costituite all’estero secondo la legge italiana davanti al capo dell’ufficio consolare, competente in base alla residenza di una delle due parti.

Nelle more dell’adozione dei decreti legislativi , gli atti di matrimonio o di unione civile tra persone dello stesso sesso formati all’estero , sono trasmessi dall’autorita’ consolare ai fini della trascrizione nel registro provvisorio.

 

Cosa fare per unirsi civilmente

La Procedura  si svolge di due fasi successive.

Nella prima, chi intende costituire un unione civile deve chiedere un appuntamento all’Anagrafe Comunale affinché, nel giorno che verrà in tale sede concordato, le parti potranno congiuntamente comparire dinanzi all’ufficiale dello stato civile per richiedere la costituzione dell’unione e dichiarare sotto la propria responsabilità di essere in possesso di tutti i requisiti previsti dalla legge:  redazione processo verbale della richiesta. Se una delle parti , per infermita’  o altro comprovato impedimento , e’ nell’impossibilita’ di recarsi alla casa comunale, l’ufficiale si trasferisce nel luogo in cui si trova la parte impedita e riceve la richiesta , ivi presentata congiuntamente da entrambe le parti. Le parti saranno invitate a comparire nuovamente davanti all’ufficiale dello stato civile non prima di 15 giorni per la costituzione vera e propria dell’unione civile. In questo periodo di tempo l’ufficiale dello stato civile eseguirà l’attivita’ istruttoria.

Al secondo appuntamento le parti, alla presenza di due testimoni, dichiareranno personalmente e congiuntamente di voler costituire l’unione civile all’ufficiale dello stato civile, che redigerà un secondo verbale e lo farà sottoscrivere a tutti gli intervenuti. Se una delle parti , per infermita’  o altro comprovato impedimento , e’ nell’impossibilita’ di recarsi alla casa comunale, l’ufficiale si trasferisce nel luogo in cui si trova la parte impedita e  ivi alla presenza di due testimoni, riceve la dichiarazione costitutiva.  La mancata comparizione , senza giustificato motivo, di una o di entrambe le parti nel giorno indicato nell’invito equivale a rinuncia.

Nel caso di imminente pericolo di vita di una delle parti l’ufficiale riceve la dichiarazione costitutiva anche in assenza della richiesta, previo giuramento delle parti stesse sulla sussistenza dei presupposti per la costituzione dell’unione e sull’assenza di cause impeditive.

Successivamente alla redazione e sottoscrizione del secondo verbale, l’ufficiale iscriverà nel registro di stato civile provvisorio l’atto di Unione Civile tra persone dello stesso sesso, che sarà cosi costituita e valida a tutti gli effetti di legge e provvedera’ alle annotazioni di rito nell’atto di nascita di ciascuna delle parti

Prenotazione

La richiesta di primo appuntamento è in carta libera (VEDI MODULISTICA) e puo’ essere presentata nei seguenti modi:

–         per pec:. comune.massamarittima@postacert.toscana.it

–         per e-mail : p.baldi@comune.massamarittima.gr.it ; l.fierli@comune.massamarittima.gr.it;

–         . E’ necessario che il modulo ministeriale sia firmato in originale dal/dai richiedente/richiedenti maggiorenni e sia scannerizzato insieme a tutti i documenti, oppure il modulo può essere inviato con firma digitale o con strumenti che consentano l’ identificazione del/dei richiedente/richiedenti la residenza. Tutti i documenti devono essere in formato PDF

oppure

–         per raccomandata postale all’ indirizzo : Comune di Massa Marittima – Servizi Demografic –Piazza Garibaldi – 58024 Massa M.ma (GR)i

oppure

–         per fax al numero 0566/902052  indirizzato a : Comune di Massa M.ma  – Servizi Demografici

oppure

–         a mano presentato all’ Ufficio Protocollo Palazzo Comunale Piazza Garibaldi nel normale orario di servizio ( dal lunedi’ al venerdi’ dalle ore 10.00 alle ore 12.00; giovedi’ e martedi’ anche orario pomeridiano dalle ore 15.00 alle ore 17.00)

–         a mano presentato all’Ufficio Anagrafe previa prenotazione telefonando ai numeri 0566/906230/906231 nel normale orario di servizio ( lunedi’, martedi’,mercoledi’ ,venerdi’ dalle ore 10.00 alle ore 12.00; giovedi’ dalle ore 15.00 alle ore 17.00 )

Costi: la procedura e’ gratuita

Modulo di richiesta di Unione Civile