Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Certificati ed estratti di Stato Civile

Certificati ed estratti di stato civile – rilascio

I certificati di stato civile attestano quei dati che si possono desumere dai registri di stato civile. Essi, pertanto, possono essere rilasciati se gli atti di stato civile dei relativi eventi (nascita, matrimonio, morte) sono registrati presso il Comune di Massa Marittima.

Nel certificato vengono riportati i dati minimi essenziali per descrivere l’avvenimento. I certificati di stato civile devono contenere le generalità come per legge delle persone a cui i singoli eventi si riferiscono e gli estremi dei relativi atti. I dati suddetti possono essere desunti anche dagli atti anagrafici (art. 108, comma 2, DPR n. 396 del 2000).

  • Estratto per copia integrale dell’atto di
    • Nascita
    • Matrimonio
    • Morte

La copia integrale è la fotocopia autenticata dell’atto originale dove viene riportata qualsiasi circostanza e annotazione iscritta nella pagina del registro di stato civile sulla quale è stato steso l’atto stesso.. Estratti per copia integrale degli atti dello stato civile: Il rilascio è consentito solo ai soggetti cui l’atto si riferisce, oppure su motivata istanza comprovante l’interesse personale e concreto del richiedente a fini di tutela di una situazione giuridicamente rilevante, ovvero decorsi settanta anni dalla formazione dell’atto (articolo 177, comma 3, Codice privacy).

  • Estratto per riassunto dell’atto di
    • Nascita, con i dati del certificato di nascita completati da eventuali annotazioni (a richiesta, ai sensi dell’articolo 3 del DPR n. 432 del 1957, per l’esercizio di doveri o di diritti derivanti dallo stato di legittimità o di filiazione, si possono indicare anche paternità e maternità)

    • Matrimonio, con i dati del certificato di matrimonio completati da eventuali annotazioni

    • Morte, con i dati del certificato di morte completato dall’ora della morte

Nell’estratto per riassunto vengono riportati, oltre ai dati del certificato, anche altri dati significativi L’estratto per riassunto deve contenere (art. 108, DPR n. 396 del 2000): l’indicazione di estratto per riassunto; il riassunto che riporta le indicazioni contenute nell’atto e nelle relative annotazioni; la sottoscrizione dell’ufficiale dello stato civile o del funzionario delegato; il bollo dell’ufficio. Estratti per riassunto di atti di stato civile con l’indicazione di paternità e maternità possono essere rilasciati solo all’interessato, per l’esercizio di doveri o di diritti derivanti dallo stato di legittimità o di filiazione (Legge 1064/1955 e DPR 432/1957, art. 3).

I certificati e gli estratti di stato civile, nei rapporti con le pubbliche amministrazioni, gli esercenti di pubblici servizi ed i privati che vi consentono, possono essere sostituiti da autocertificazione.

Legge 31 ottobre 1955, n. 1064 (Disposizioni relative alle generalità in estratti, atti e documenti): la indicazione della paternità e maternità nelle certificazioni è possibile solo se ed in quanto necessario all’esercizio di doveri o diritti derivanti dallo stato di legittimità o di filiazione.
Legge 184/1983 (Diritto del minore ad una famiglia) art. 28, commi 2 e 3: qualunque attestazione di stato civile riferita all’adottato deve essere rilasciata con la sola indicazione del nuovo cognome e con l’esclusione di qualsiasi riferimento alla paternità e alla maternità del minore e dell’annotazione relativa all’adozione. L’ufficiale di stato civile, l’ufficiale di anagrafe e qualsiasi altro ente pubblico o privato ,autorità o pubblico ufficio debbono rifiutarsi di fornire notizie, informazioni, certificazioni, estratti o copie dai quali possa comunque risultare il rapporto di adozione, salvo autorizzazione espressa dell’autorità giudiziaria. Autorizzazione del tribunale per i minorenni, per chiedere il rilascio di atti dai quali risulti il rapporto di adozione del minore. Fare riferimento all’articolo 28 della legge n. 184 del 1983.

I certificati, le copie e gli estratti desunti esclusivamente dai registri dello Stato civile e le corrispondenti dichiarazioni sostitutive sono esenti dall’imposta di bollo. Tariffa allegato A al DPR n. 642 del 1972 (DM 20.8.1992), articolo 4, nota 2/c.

Validità I certificati e gli estratti di Stato Civile hanno validità di sei mesi. Possono avere valore anche successivamente, se l’utente dichiara, in calce al certificato, che le informazioni in esso contenute non hanno subito modifiche. I certificati che attestano dati non soggetti a mutamenti (es. nascita, morte) hanno validità illimitata.