Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Carta d’identità

Il D.L. 78/2015 recante “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali”, convertito dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, ha introdotto la nuova Carta di Identità Elettronica (C.I.E.) con funzioni di identificazione del cittadino.

Dal 01.12.2018 il Comune di Massa Marittima, su disposizione ministeriale, effettua esclusivamente il rilascio della nuova C.I.E.

Il cittadino può richiedere la CIE al Comune di residenza o di dimora. Il processo di emissione della CIE è gestito direttamente dal Ministero dell’Interno; la consegna avviene entro sei giorni lavorativi dalla data della richiesta presso il recapito indicato dal cittadino.

La carta di identità cartacea verrà rilasciata esclusivamente per reali e documentate esigenze dovute a:

  1. motivi di viaggio: il cittadino dovrà allegare copia del biglietto di viaggio, o della prenotazione o di altra documentazione idonea a documentare l’imminente viaggio;
  2. consultazione elettorale: l’interessato dovrà dichiarare per quale consultazione elettorale si richiede il rilascio urgente del documento di identità;
  3. partecipazione a gara pubblica o concorso pubblico: l’interessato dovrà dichiarare a quale tipo di procedimento si riferisce l’urgenza di provvedere al rilascio del documento di identità cartaceo.
  4. motivi di salute: dovrà essere presentata idonea documentazione .

Ai cittadini italiani può essere rilasciata CIE valida solo per l’Italia o anche per l’estero. La carta valida per l’estero equivale al passaporto ai fini dell’espatrio negli Stati membri dell’Unione Europea e in quelli in cui vigono particolari accordi internazionali (vedi note).

Ai cittadini comunitari e non comunitari viene rilasciata solamente la carta d’identità valida per l’Italia. In questo caso ha esclusivamente valore di documento di riconoscimento e non costituisce titolo per l’espatrio.

Il documento può essere richiesto in qualsiasi momento e la sua durata varia secondo le fasce d’età di appartenenza: nel dettaglio, 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni; 5 anni per i minori di età compresa tra i 3  e i 18 anni; 10 anni per i maggiorenni.

Il cittadino dovrà recarsi preso l’Ufficio Servizi Demografici del Comune munito di fototessera, in formato cartaceo o elettronico, su un supporto USB. La fototessera dovrà essere dello stesso tipo di quelle utilizzate per il passaporto:   dimensioni foto larghezza 35 mm, altezza minima 45 mm. Sfondo chiaro a tinta unita, sguardo rivolto all’obiettivo e bocca chiusa , occhi aperti e visibili , soggetto in primo piano, viso e spalle visibili ed inquadratura frontale, gli occhiali non devono introdurre riflessi e le lenti non devono essere colorate. Sono ammessi solo copricapo tenuti per motivi religiosi che non nascondano viso e mento. L’eventuale ritaglio della foto deve essere eseguito in modo da assicurare un’acquisizione     dell’immagine che ritragga per intero il volto non ruotato del soggetto (devono essere visibili entrambi i lobi). La foto non deve essere ritagliata per escludere lo sfondo o per raddrizzare la testa, né deve risultare ritoccata o colorata o manomessa in alcun modo. L’altezza della foto deve essere tale da assicurare che il volto sia contenuto interamente nell’immagine e centrato rispetto al riquadro dell’immagine in modo che l’altezza degli occhi, rispetto la base del riquadro stesso, sia compresa fra un valore massimo di 31 mm e un valore minimo di 23 mm. Per il cittadino è anche possibile portare una fotografia su supporto digitale USB rispettando, oltre alle suddette caratteristiche, anche le seguenti: Definizione immagine: almeno 400 dpi, Dimensione del file: massimo 500kb, Formato del file: JPG

È consigliabile, all’atto della richiesta, munirsi di codice fiscale o tessera sanitaria al fine di velocizzare le attività di registrazione .

Il cittadino, nel momento della domanda:

  • In caso di primo rilascio esibisce all’operatore Comunale un altro documento di identità in corso di validità. Per i minori occorre la presenza di entrambi i genitori.
  • In caso di rinnovo o deterioramento del vecchio documento consegna quest’ultimo all’operatore comunale. Anche in questo caso, per i minori, occorre la presenza di entrambi i genitori. In caso di smarrimento e furto, occorre presentare la denuncia fatta a Carabinieri o Vigili Urbani.
  • Consegna all’operatore comunale il codice fiscale ;
  • Verifica con l’operatore comunale i dati anagrafici rilevati dall’anagrafe comunale;
  • Fornisce,       indirizzi di contatto per essere avvisato circa la spedizione del suo documento;
  • Indica la modalità di ritiro del documento desiderata (consegna presso un indirizzo indicato o ritiro in Comune);
  • Fornisce all’operatore comunale la fotografia;      
  • Procede, con l’operatore comunale, all’acquisizione delle impronte digitali . La rilevazione delle impronte digitali è prevista per ciascun cittadino di età maggiore o uguale a 12 anni. Le impronte digitali verranno scritte in sicurezza all’interno della propria CIE e non depositate in nessun altro luogo. Per la rilevazione delle impronte digitali, l’operatore comunale utilizza un dispositivo di rilevazione (sensore) su cui il cittadino è invitato a poggiare le proprie dita, al fine di acquisire le impronte. Le impronte digitali devono essere acquisite a partire dal dito indice della mano destra e a seguire, dal dito indice della mano sinistra. Se non è possibile acquisire l’impronta del dito indice, si può procedere all’acquisizione dell’impronta seguendo l’ordine: dito medio, dito anulare e dito pollice per ciascuna mano.  Vanno effettuati almeno 3 (tre) tentativi di acquisizione, alzando ogni volta il dito dal sensore. Questa procedura deve essere seguita per ogni dito acquisito. Al fine di garantire un corretto risultato l’operatore che esegue la procedura di acquisizione si assicura che: le dita non siano ricoperte da patine o pellicole che possano alterare l’impronta; il dito poggiato sul sensore sia effettivamente quello richiesto dall’operatore; il dito sia posizionato correttamente sulla superficie del dispositivo di acquisizione, come indicato nelle figure sottostanti che evidenziano le posizioni corrette (SI) e le posizioni non corrette (NO); in particolare la posizione corretta prevede che il dito sia poggiato di piatto, centrato, con la giusta pressione del polpastrello, senza inclinazione verticale o orizzontale e senza rotazione laterale.
  • Fornisce, se lo desidera, il consenso ovvero il diniego alla donazione degli organi;
  • Firma il modulo di riepilogo procedendo inoltre alla verifica finale sui dati;
  • Pagare il corrispettivo pari a:
Tipologia Corrispettivo per Ministero Interno Diritto Fisso Comunale Diritti di Segreteria Rimborso spese Totale da pagare
1^ rilascio e rinnovo alla scadenza naturale € 16.79 € 5.16 € 0.26 € 0.79 € 23.00
Smarrimento e rinnovo antecedente 6 mesi dalla scadenza naturale € 16.79 € 10.32 € 0.26 € 0.63 € 28.00

Il cittadino riceverà la CIE all’indirizzo indicato entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta. Una persona delegata potrà provvedere al ritiro del documento, purché le sue generalità siano state fornite all’operatore comunale al momento della richiesta.

Nel caso di impossibilità del cittadino a presentarsi allo sportello del Comune a causa di malattia grave o altre motivazioni (reclusione, appartenenza ad ordini di clausura, ecc.), un suo delegato (ad es. un familiare) deve recarsi presso il Comune con la documentazione attestante l’impossibilità a presentarsi presso lo sportello. Il delegato dovrà fornire la carta di identità del titolare o altro suo documento di riconoscimento, la sua foto e il luogo dove spedire la CIE. Effettuato il pagamento, concorderà con l’operatore comunale un appuntamento presso il domicilio del titolare, per il completamento della procedura.