Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Nella Biblioteca Comunale una mostra sulle origini della cooperazione sociale in Alta Maremma

Fino al 4 gennaio nella Biblioteca Comunale Gaetano Badii di Massa Marittima si può visitare la mostra storico documentaria “Alle origini della cooperazione sociale in Alta Maremma: dalla Fratellanza Artigiana alla Cooperazione moderna”. Una mostra organizzata nell’ambito di “Tesori di famiglia”, progetto aperto, promosso dalla Sezione Soci Coop Colline Maremmane per diffondere tra la cittadinanza l’importanza della tutela e della valorizzazione della memoria collettiva.

La mostra è stata curata da Gianpiero Caglianone, storico ben conosciuto a Massa, legato al Centro Studi Storici Agapito Gabrielli e all’Accademia degli Intronati di Siena, ed allestita in collaborazione con l’Archivio Storico dell’Unicoop Tirreno e con Promocultura, la cooperativa che ha in gestione dal 2018 i servizi della biblioteca comunale. La mostra, attraverso pannelli informativi, documenti d’archivio, articoli di giornale, fotografie e cimeli, racconta la genesi e l’evoluzione delle prime associazioni di carattere cooperativistico in questa parte della Maremma, tra le quali spicca la Fratellanza Artigiana di Massa Marittima fondata nel 1861 grazie ad Apollonio Apolloni, medico, mazziniano e garibaldino; egli, seguendo le orme della istituita Fratellanza Artigiana fiorentina (febbraio 1861), ebbe l’idea di fondare a Massa Marittima un Collegio Artigiano dipendente dall’associazione di Firenze, con l’obiettivo di emancipare i lavoratori attraverso il miglioramento delle loro condizioni economiche e morali, attraverso l’unione e la solidarietà. La Fratellanza Artigiana, oltre a favorire la nascita di altri collegi maremmani e alto-laziali (Canino, Porto S. Stefano, Prata) continuerà la sua opera repubblicana fino al 1925, quando il fascismo impose la concezione corporativa e sciolse le associazioni come la Fratellanza Artigiana ritenendole, com’erano, antifasciste e ostili al regime. Si dimostra dunque come la cooperazione fu dapprima il canale di diffusione delle idee repubblicane per poi diventare anche motore dal quale partirono molte delle iniziative emancipatrici del popolo massetano e che trovano ancora oggi pieno compimento nel ruolo che la Coop ha svolto e continua a svolgere, anche attraverso progetti come “Tesori di famiglia”. Un ruolo centrale nella mostra è stato riservato alla riscoperta di una figura femminile sui generis, giornalista, giovane mazziniana e repubblicana scomparsa a soli 25 anni, Cecchina Lotti (1886 – 1911); consapevole delle disuguaglianze sociali e culturali di cui le donne della sua epoca erano protagoniste, cercò di opporvisi con l’audacia delle sue idee, così lungimiranti che risultano illuminanti ancora oggi. “Una storia ricca e molto interessante che passa attraverso il vissuto di personaggi di primo piano del nostro Risorgimento come Garibaldi e Mazzini – ha detto Valeria Magrini responsabile delle attività sociali Unicoop Tirreno – e che ha cambiato il tessuto sociale del territorio di Massa Marittima attraverso la cooperazione”. “La mostra merita di essere vista perchè racconta le antiche origini della cooperazione che avvicinava i soci verso alla modernità attraverso l’abbattimento dei costi per i prodotti di prima necessità e divulgava valori come come la solidarietà”, ha aggiunto l’assessore alla cultura del Comune di Massa Marittima Irene Marconi. La mostra, realizzata dal Comune di Massa Marittima e dalla Biblioteca Comunale Gaetano Badii in collaborazione con l’Archivio Storico dell’Unicoop Tirreno, sarà visitabile ad ingresso libero fino al 6 gennaio 2020 nei locali della Biblioteca Comunale, Piazza XXIV Maggio n. 10 il lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 14 alle 19 e il giovedì e sabato dalle ore 9 alle 13. Info: tel. 0566906293, e-mail: prestito.biblio@comune.massamarittima.gr.it