Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

A Massa Marittima in scena la grande lirica ma anche una mostra sulle monete toscane del Trecento

La 32 esima edizione di Lirica in Piazza e una mostra per celebrare i settecento anni del Grosso Massetano, moneta coniata dal 1317, sono i due appuntamenti di spicco dell’estate a Massa Marittima (Gr),   sulle Colline Metallifere in Maremma. Stamani a Firenze si è svolta la presentazione in una conferenza stampa al Consiglio Regionale della Toscana alla presenza del consigliere regionale Leonardo Marras e dell’assessore alla cultura del Comune di Massa Marittima Marco Paperini. Come ormai tradizione da 32 anni, Lirica in Piazza è ormai uno degli appuntamenti consolidati della grande lirica in Toscana e non solo. Sul palcoscenico unico e suggestivo del sagrato della trecentesca Cattedrale di San Cerbone in Piazza Garibaldi, cuore medievale della città, in scena tre grandi opere di altrettanti maestri del teatro d’opera. Giovedì 3 agosto la Tosca di Giacomo Puccini, venerdì 4 agosto Rigoletto di Giuseppe Verdi e sabato 5 agosto il Don Pasquale di Gaetano Donizetti. Inizio degli spettacoli ore 21.15. Tre opere che si inseriscono a pieno titolo in una rassegna che da alcuni anni si contraddistingue per la sua proposta innovativa e originale in grado di coniugare la tradizione operistica con l’innovazione grazie all’utilizzo di tecnologie multimediali, nuove scenografie, effetti speciali luci e allestimenti realizzati appositamente per rendere ancora più suggestiva la rappresentazione in piazza. “La volontà è quella di avvicinare la lirica ad un pubblico ancora più ampio in particolare quello più giovane”, ha detto l’assessore Marco Paperini. “Lirica in piazza è uno spettacolo straordinario in un contesto unico – ha sottolineato il consigliere regionale Leonardo Marras – una magia che si ripete ogni anno e non si può avere un’estate in Maremma senza la lirica a Massa Marittima”. La rassegna è organizzata dal Comune di Massa Marittima, prodotta da Europa Musica di Roma con l’Orchestra Sinfonica Europa Musica e il Coro Lirico Italiano. Info: www.liricainpiazza.it prevendite Box Office Toscana. L’altro grande evento è la mostra “Monete e zecche nella Toscana del Trecento” allestita presso il Museo di San Pietro all’Orto per celebrare i settecento anni del Grosso Massetano, moneta coniata a Massa Marittima dal 1317 al 1318. Fino al 31 dicembre è possibile ammirare tutti gli esemplari ancora esistenti di questa moneta ma anche tutte le principali monete circolanti in Toscana tra la fine del Duecento e i primi decenni del Trecento. “Una occasione per riscoprire la storia economica del Trecento in Toscana – ha aggiunto Marras – ma anche una riflessione sul parallelismo tra le politiche monetarie di quell’epoca e quelle di oggi, che fatte le dovute contestualizzazioni, possono darci qualche insegnamento anche per quanto riguarda le dinamiche economiche attuali”.

Nella foto da sinistra Leonardo Marras e Marco Paperini