Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Massa Marittima, ambulatorio di pediatria all’Ospedale Sant’Andrea. Sindaco Giuntini: “Siamo preoccupati e contrari alla riduzione del servizio”

“Siamo molto preoccupati e contrari alla riduzione del servizio di pediatria, perché di questo si tratta, consapevoli che in questo modo si penalizza il nostro territorio su un tema fondamentale come la salute dei bambini”. E’ questa la posizione dura e senza appello del sindaco di Massa Marittima Marcello Giuntini sulla riorganizzazione del servizio di pediatria di base che prenderà il via il prossimo 15 settembre.

Da quel giorno infatti l’attuale pediatra che garantisce il servizio per cinque giorni alla settimana nell’ambulatorio presso l’Ospedale Sant’Andrea e mezza giornata a Valpiana, sarà trasferito  a Livorno per una scelta professionale del medico. Tuttavia la direzione dell’Asl non ha previsto la sua sostituzione affidando l’attività dell’ambulatorio agli altri medici pediatri di base che operano nel territorio delle Colline Metallifere. Attualmente sono cinque ma dal 15 settembre diventeranno quattro a garantire questo servizio. Inoltre secondo la legge, ogni pediatra può avere un massimo di 900 assistiti e due di loro hanno già raggiunto questa quota. Quindi nell’ambulatorio di Massa Marittima il servizio potrà essere garantito da soli due medici che si dovranno dividere i 600 assistiti in carico dell’attuale pediatra, un lavoro in più visto che ogni medico svolge già una intensa attività negli altri comuni. “Non sappiamo ancora in quali giorni ed orari i sostituti pediatri di base saranno a Massa Marittima –rincara la dose Giuntini – ma la nostra città viene sicuramente penalizzata. Basti pensare che da noi ogni medico farà solo due giorni di servizio, un fatto grave se si pensa, ad esempio, che a Follonica il pediatra è in servizio cinque giorni e anche a Bagno di Gavorrano un solo medico garantisce la presenza per quattro giorni. In più da noi saranno in servizio due pediatri in giorni diversi e in questo modo viene anche meno il rapporto fiduciario tra medico pediatra e i piccoli pazienti, mentre sappiamo bene come questo aspetto sia molto importante soprattutto quando si parla di curare e assistere dei bambini. Insomma senza la sostituzione a tempo pieno dell’attuale dottore – conclude il primo cittadino – andremo incontro ad una serie di disagi per le famiglie che non possono essere accettati”. Anche sulle vaccinazioni ci sono preoccupazioni. “Fino adesso veniva garantito periodicamente anche un punto vaccinazioni – ha ricordato l’assessore alle politiche sociali Grazia Gucci –, non solo per bambini ma anche per i ragazzi più grandi. Ora non sappiamo come sarà organizzato il servizio, ma la cosa importante è che questo rimanga per garantire continuità nelle vaccinazioni”.