Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

La fiera di Ghirlanda

E’ la fiera del 1° settembre, che deriva dalla vecchia usanza del mercato degli animali, divenuta oggi una festa attesa in tutta la zona.

Ghirlanda, a pochi chilometri da Massa Marittima, conserva così questa curiosa tradizione, al centro della quale ci sono ancora gli animali: bovini, suini, asini e cavalli presentati dagli allevatori locali, che si contendonoi premi per gli esemplari più belli.

Il particolare “mercato” del 1° settembre, richiama ogni anno molte persone dei dintorni e non, oltre ai numerosi operatori del settore agricolo che approfitano dell’occasione per vedere anche i moderni strumenti zootecnici in mostra in un apposito spazio della fiera.

La tradizione di Ghirlanda, unisce così le sembianze di una tipica usanza popolare ed i caratteri di moderna rassegna agrozootecnica che ha un’eco significativa in tutte le Colline Metallifere.

Ogni 1 settembre dalle 9 del mattino, al tramonto, vengono allestite le bancarelle, gli stand e l’area dedicata ai recinti degli animali. Qui vengono usualmente organizzati spettacoli per il pubblico, il più significativo dei quali, è senza dubbio l’esibizione dei butteri maremmani.

Da qualche anno, la Fiera ospita anche uno spazio dedicato alla degustazione e vendita dei prodotti tipici locali. Molti i privati che allestiscono stand carichi delle proprie delizie enogastronomiche in assaggio.

La tradizione settebrina si rinnova ormai di anno in anno, da molte generazioni e conserva intatte le atmosfere, le impressioni e i segni forse indelebili, della vita ageste di un territorio che si apre sulla campagna. Spesso la giornata di fine estate, è un occasione per i bambini, e i ragazzi più giovani, di vedere specie di bestiame che non hanno mai osservato, come il ciuchino amiatino o il maiale di cinta senese e molti di loro, aiutati dai proprietari, provano amontare a cavallo, per un piccolo giro.