Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Il Centro Studi Squali dell’Aquarium Mondo Marino conferma il suo impegno nelle attività di ricerca e sensibilizzazione portate avanti da diversi anni anche con una serie di conferenze nazionali ed internazionali

Durante il mese di Novembre lo staff è stato ed è particolarmente impegnato in conferenze per descrivere le molteplici attività svolte in collaborazione e coordinamento con importanti università italiane e straniere.

Mercoledi 12 novembre ha avuto luogo a Parigi presso il prestigioso Istituto Oceanografico, alla “Maison des Océans“, unaconferenza congiunta, tra il Responsabile del Centro Studi Squali, Dr.Micarelli ed il Dr.F.Sarano membro dell’equipe del Comandante Cousteau, sul tema: “gli Squali bianchi in Mediterraneo”. Alla presenza di circa 500 persone che hanno completamente occupato l’ottocentesco anfiteatro, Micarelli e Sarano, dopo essere stati presentati al pubblico dalla Dr.ssa Nadia Ounais Curatrice dell’Acquario di Montecarlo, hanno condiviso le loro conoscenze con il pubblico che alla fine degli interventi ha posto numerose domande. Durante la conferenza, il Dr.Micarelli ha ricordato i vari membri ed istituzioni universitarie che collaborando con il C.S.S. stanno fornendo dati importanti sulla Biologia degli Squali in generale e del bianco in particolare.
Speciale accento è stato dato alle osservazioni etologiche realizzate con il Dr.Sperone dell’Università della Calabria, ai preziosi dati ecotossicologici raccolti dal Dr.Rizzuto insieme alla Dr.ssa Marsili dell’Università di Siena e della nuova idea sull’origine degli squali mediterranei da parte del Dr.Leone in collaborazione con il Prof.Tinti dell’Università di Bologna. La serata si è conclusa con le spettacolari immagini di Sarano che volteggia in acque libere con bianchi dell’isola di Guadalupe in Messico nel 2010 ed intorno a Dyer Island in Sudafrica nel 2000. A breve sarà disponibile su internet la versione integrale della conferenza ripresa dai tecnici dell’Istituto.

Venerdi 21 novembre, sarà invece la volta di Genova, dove si sta svolgendo l’annuale Congresso dei Curatori di Acquari europei, (EUAC) con più di 120 partecipanti provenienti da tutta Europa, dove saranno presentati i dati raccolti in 11 anni di osservazioni in Sudafrica e l’importanza degli acquari nella diffusione delle conoscenze raccolte e nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica alla salvaguardia anche di questi mitici animali.  Il Centro Studi e l’Aquarium sono particolarmente soddisfatti per aver non solo accumulato tanti dati e pubblicazioni scientifiche, ma aver dato la possibilità in questi anni a 25 studenti universitari di laurearsi su tematiche inerenti gli squali di cui 3 attualmente in tesi dottorale. Risultati non così scontati, se si pensa che la struttura è privata e non riceve nessun finanziamento pubblico per le sue attività, incluse quelle di ricerca e che mostrano che a volte la tenacia e la passione possono essere risolutive. Per concludere, una decina di studenti universitari, provenienti da tutta Italia stanno preparandosi per affrontare i mari sudafricani, dove in primavera in collaborazione con lo staff C.S.S., della XII° Spedizionescientifica, acquisiranno i dati necessari alle loro rispettive tesi.

STAFF C.S.S.

MAGGIORI INFO SULLE CONFERENZE E SPEDIZIONI AI SEGUENTI LINK:

https://www.facebook.com/CentroStudiSquali?fref=ts

http://www.institut-ocean.org/rubriques.php?lang=fr&categ=1265713956&sscategorie=1386778049&article=1389859396

http://aquariummondomarino.com/cm/index.php?option=com_content&view=article&id=111&Itemid=102

http://aquariummondomarino.com/cm/index.php?option=com_content&view=article&id=95&Itemid=104