Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Commercio in sede fissa

Consulta l’estratto della delibera con i periodi  delle vendite di fine stagione 2016

Commercio al dettaglio in sede fissa (negozi) e forme speciali di vendita (spacci interni, apparecchi automatici, commercio elettronico, domicilio del consumatore, corrispondenza, tv o altri sistemi).
Modulistica disponibile presso il  SUAP: clicca qui (commercio in sede fissa)
Per il commercio del settore alimentare allegare D.I.A ad efficacia immediata in materia di igiene di prodotti alimentari (art. 12, comma 2, D.P.G.R. n. 40/R del 1.8.2006) . Modulistica SUAP (Sanità): clicca qui

Vendite straordinarie: di liquidazione, di fine stagione, promozionali

La Legge Regionale n. 28 del 7 febbraio 2005 (Codice del commercio) disciplina le vendite straordinarie. Il Regolamento di attuazione della Legge Regionale n.28/2005 –D.P.G.R. 1.4.2009-n.15/R stabilisce le date di inizio e la durata delle vendite di fine stagione.

Integrazione saldi di fine stagione:
La Giunta della Regione Toscana con deliberazione n. 413 del 23 maggio 2011 ha individuato, per gli anni 2011/2012, nelle date, rispettivamente, del primo sabato del mese di luglio la data di inizio delle vendite di fine stagione estiva e nel primo giorno feriale antecedente l’Epifania la data di inizio delle vendite di fine stagione invernale. Ha stabilito, inoltre, la durata delle vendite di fine stagione in sessanta giorni dalla data di inizio.
Per l’anno in corso le vendite di fine stagione estiva inizieranno il 2 luglio 2011 e termineranno il 30 agosto 2011.
Individuazione delle date di inizio e della durata delle vendite di fine stagione, ai sensi dell`art. 37, comma 2, del D.P.G.R. 1 aprile 2009, n. 15/R.
DELIBERAZIONE n. 413 del 23/05/2011

NB. Il testo dell’ordinanza comunale sul commercio in sede fissa del 23-11-2009 è stato modificato dopo un’assemblea con gli operatori cittadini e concertazione con le parti sociali. Il documento scaricabile qui sotto è quello attualmente in vigore, integrato con il vecchio dopo le opportune modifiche

Scarica l’ordinanza sugli orari di apertura e chiusura delle attività commerciali

DEFINIZIONI:

Vendite straordinarie

Le vendite straordinarie sono quelle, con le quali l’esercente , offre condizioni favorevoli, reali ed effettive, di acquisto dei propri prodotti.  Costituiscono vendite straordinarie:
a)       vendite di liquidazione;
b)       vendite di fine stagione.

Disposizioni generali concernenti le vendite di liquidazione, e di fine stagione :

1. Le merci oggetto di vendite straordinarie devono essere separate da quelle eventualmente poste in vendita alle condizioni ordinarie scontato o ribassato.
2. Per le merci oggetto di vendite straordinarie devono essere indicati:
a)       prezzo normale di vendita;
b)       o sconto o ribasso espresso in percentuale;
c)       il prezzo effettivamente praticato a seguito dello sconto o del ribasso.
3.Le asserzioni pubblicitarie relative alle vendite straordinarie devono contenere l’indicazione del tipo e della durata della vendita e degli estremi della comunicazione prevista solo  per le vendite di liquidazione (art.92,comma 2-L.R.28/2005) .
4.  In tutte le vendite è vietato ogni riferimento a procedure fallimentari e simili.
Vendite di liquidazione (Articolo  92-L.R. 28/2005)
1.        Le vendite di liquidazione sono effettuate dall’esercente al fine di  esitare in breve tempo tutte le proprie merci in seguito a :
a)       cessazione dell’attività commerciale
b)       cessione dell’azienda o dell’unità locale nella quale si effettua la vendita di liquidazione
c)       trasferimento in altro locale dell’azienda o dell’unità locale nella quale si effettua la vendita di liquidazione
d)       trasformazione o rinnovo dei locali di vendita
2.        Le vendite di liquidazione possono essere effettuate in qualunque momento dell’anno previa comunicazione al comune competente per territorio almeno dieci (10) giorni prima dell’inizio delle stesse.
3.        Le vendite di liquidazione non possono essere effettuate con il sistema del pubblico incanto.
4.        In caso di cessazione dell’attività commerciale, al termine della vendita di liquidazione l’esercente  non può riprendere la medesima attività se non decorsi centottanta (180) giorni dalla data di cessazione.
5.        in caso di trasformazione o rinnovo locali al termine della vendita di liquidazione l’esercizio deve essere immediatamente chiuso per il tempo necessario all’effettuazione dei lavori.
6.        la durata delle vendite di liquidazione è di otto (8) settimane in caso di : cessazione dell’attività commerciale  o cessione dell’azienda o dell’unità locale nella quale si effettua la vendita di liquidazione ; di quattro (4) settimane in caso di: trasferimento in altro locale dell’azienda o dell’unità locale nella quale si effettua la vendita di liquidazione o trasformazione o rinnovo dei locali di vendita .
7.        Durante il periodo in cui vengono effettuate le vendite di liquidazione è vietato introdurre nell’esercizio e nei locali di sua pertinenza ulteriori merci del genere di quelle oggetto dell’attività commerciale in liquidazione.

Vendite di fine stagione (Articolo 95-L.R. 28/2005 e succ.modifiche- D.P.G.R. 1.4.2009,n.15/R )
1. Le vendite di fine stagione riguardano  i prodotti, di carattere stagionale o di moda, suscettibili di notevole deprezzamento se non vengono venduti entro un certo periodo di tempo.
2. Le vendite di fine stagione possono essere effettuate dal 7 gennaio al 7 marzo e dal 7 luglio al 7 settembre.
Le date di inizio e la durata delle vendite di fine stagione possono essere modificate annualmente dalla Giunta Regionale.

Vendite promozionali (Articolo 96- L.R. 28/2005 e succ.mod.)
1.        Le vendite promozionali, con le quali vengono offerte condizioni favorevoli di acquisto di prodotti in vendita, sono effettuate dall’esercente per tutti o una parte di tali prodotti .
2.        Le merci offerte in promozione devono essere distinguibili da quelle vendute alle condizioni ordinarie.
3.        Le vendite promozionali dei prodotti del settore merceologico  non alimentare di carattere stagionale che formano oggetto di vendite di fine stagione non possono svolgersi nei trenta (30) giorni precedenti alle vendite di fine stagione
4.        Per le merci oggetto di vendite promozionali devono essere indicati:
a)       prezzo normale di vendita;
b)       o sconto o ribasso espresso in percentuale;
c)       il prezzo effettivamente praticato a seguito dello sconto o del ribasso

Modulo da scaricare per le vendite di liquidazione