Aumenta dimensione fontDiminuisci dimensione font

Notizie

La nuova miniguida delle Colline Metallifere

Clicca qui per consultarla o scaricarla

Aiuti alle imprese per la rimozione e lo smaltimento di amianto

Clicca qui per scaricare il documento della Regione Toscana

Lo sportello contro la violenza sulle donne, in aiuto a chi vive situazioni difficili

Scarica sotto il volantino e la brochure

Continua a leggere

Art Bonus: l’Albero della Fecondità fa crescere la cultura del territorio

Clicca qui per consultare il sito Art Bonus corrispondente al progetto di raccolta fondi per l’Albero della Fecondità 

Su tutto il territorio toscano è stato attivato il Progetto Regionale Pronto Badante

Clicca qui per consultare l’informativa sul progetto

Balestro del Girifalco


Il Balestro del Girifalco, è la tradizione massetana per eccellenza. La suggestiva manifestazione, è una gara medievale a colpi di balestra, disputata tra i tiratori di ogni “zona” della città che due volte

l’anno si sfidano seguendo le regole degli antichi giochi di guerra.
L’antica usanza, risale ai tempi in cui Massa fu Libero Comune; le prime testimonianze che attestano l’esistenza di questa pratica, risalgono al XIV – XV secolo.

Il gioco, basato sui vecchi statuti, si svolge due volte l’anno: la quarta domenica di Maggio e il 14 Agosto. Prendono parte alla gara 24 balestrieri, 8 per ciascuno dei Terzieri in cui è divisa Massa Marittima fin dai tempi della sua costituzione a Libero Comune, nel XIII secolo.

La prossima edizione del Balestro, si terrà giovedì 14 agosto 2015 alle ore 21,30

Le tre “contrade” in competizione, sono: Cittanuova (biancorossa) i cui confini sono quelli della parte più alta della città, Cittavecchia che abbraccia di bianco e nero la zona del centro storico, e Borgo (giallo e blu) snodato lungo le vie più antiche. Ogni Balestro si svolge all’interno della caratteristica piazza Garibaldi, ai piedi della trecentesca Cattedrale di San Cerbone, Duomo di Massa;

La gara è preceduta da un corteo storico di oltre 150 persone, meticolosamente curato, negli abiti e negli strumenti impugnati da balestrieri e figuranti. Al suggestivo gruppo che scende dalla città alta al centro, prendono parte, i musici, i portainsegne, le dame di ogni terziere e i 24 tiratori.

Al termine della sfilata, il gruppo ormai famoso in tutta Italia, della Compagnia Sbandieratori di Massa Marittima, si esibisce in volteggi e coreografie di grande impatto, dopodichè, inizia la competizione tra i Baletsrieri; Chi conquista con la prorpia freccia, l’angolo di bersaglio più vicino al centro regala al proprio terziere, la vittoria rappresentata dall’ambito drappo di seta dipinto a mano detto “palio”.